Jorge Stever - Documenta 5

Jorge Stever - Dokumenta 5

Di origine tedesca (*1940 a Templin), viveva e lavorava a Caracas/Venezuela dal 1974, dove è morto il 23 ottobre 2019. La sua ultima mostra si è svolta sotto il titolo “La dignità del silenzio” nella Eine Art Galerie di Colonia.

Jorge Stever, pittore e scultore, come viene spesso descritto, è uno dei nostri più famosi artisti plastici, pontore e scultore, che ha completato i suoi studi di filosofia e storia dell'arte a Francoforte e Monaco (Germania). Nel 1972 partecipa alla "Documenta 5" (Kassel, Germania) e nel 1973 espone al Museo di Darmstadt e alla Kunsthalle di Colonia, al Museo d'Arte Moderna di Helsinki, al Museo d'Arte Moderna di Stoccolma e alla Galleria Weingarten. a Stoccolma con Jasper Johns. Quest'anno ha vissuto in Venezuela e da allora ha esposto come artista venezuelano. Il suo lavoro è legato all'astrazione lirica o al nuovo realismo, con chiare influenze dell'informalismo. È apparso in numerose pubblicazioni in Europa e in L'America come uno dei precursori dell'iperrealismo.

Nel 1974 espone nuovamente alla Galleria Weingarten di Stoccolma insieme a Lynn Chadwick e alla Kunsthalle Recklinghausen, dove quell'anno riceve il Premio Nazionale di Pittura. Partecipa anche al III. Triennale di Nuova Delhi (India), dove ha ricevuto la medaglia d'oro. Rimase lontano dal mercato dell'arte per qualche tempo, ma nel 1989, dopo anni di ricerca, espose alla Galería Garcés/Velásquez (Bogotá) e alla Sala RG. Per Susana Benko il lavoro di questa artista è "un lavoro solido perché è il risultato di un'indagine continua, quotidiana, solitaria. Anche per Stever squarciare l'oscurità non è una novità.

Anni fa la sobrietà cromatica era presente nelle sue opere. Poi è stato il periodo del bianco e in un altro momento ha esplorato il colore. Ma nessuna di queste fasi si interrompe a vicenda. Hanno una logica e mostrano un pensiero plastico coerente" (1989). Nel 1990 ha preso parte alla collettiva "Nuova pittura astratta" "Ocho planteamientos" (percorrendo il Museo Soto, il Museo Francisco Narváez e la Sala RG) e "Lotto 80. Panorama delle arti visive in Venezuela" (GAN). Il lavoro di Stever ha come caratteristica principale un'atmosfera densa, oscura e molto pigmentata. Roberto Guevara ha detto della sua pittura che possiede un'aura brillante e unica, che negli ultimi tempi si è orientata verso texture opache, quasi monocrome. Sebbene in precedenza il suo lavoro fosse più identificato con la tecnologia pittorica, all'inizio degli anni '90 si è distinto per la sua scultura. In questo contesto, l'artista stesso ha affermato che è l'inizio di tutto, perché questo ramo dell'arte ha una "carica mistica". Secondo Jesús Fuenmayor, sono "segmenti scultorei in cui l'artista esprime il suo modo intuitivo di percepire le cose".

"Jorge Stever è passato dai simboli precolombiani storicamente carichi al lavoro con riferimenti banali, evocando ironia e contraddizione nella sua pittura" (Monsalve, 1991).

Mostre (selezione)

2017 una galleria d'arte, Colonia
2014 Galleria Alejandro Freitas, Caracas
1973 OK Harris Gallery, New York
1972 Documenta 5, Kassel